L’INCONTRO DI COMPORTAMENTI DIFFICILI  NELL’ETA’GIOVANILE

Doktor Kinga Gryglicka_Występowanie zachowań ryzykownych u młodzieżyI comportamenti problematici negli adolescenti sono un fattore estremamente importante che influenza diversi tipi di comportamenti che non rientrano nella cosiddetta norma sociale. Molti di questi fattori influenzano direttamente la persona e l’ambiente circostante in cui si trova la persona e viceversa. Tutti i fattori biologici, sociali e psicologici hanno un impatto su questo.

Vale anche la pena di notare la coesistenza di comportamenti aggressivi, abuso di alcool o altre droghe psicoattive descritte da molti autori come un gruppo di comportamenti problematici o rischiosi che attirano l’attenzione dei giovani e sempre più spesso anche dei bambini. L’adolescenza è un momento eccezionale nella vita di ogni giovane. È un momento di intensi cambiamenti biologici, mentali, spirituali ed emotivi. Durante questo periodo, la maggior parte dei giovani sono alla ricerca di valori essenziali nel mondo, stanno definendo gli obiettivi e le loro aspirazioni, ma prima di tutto stanno modellando la loro identità. Il concetto di “essere” diventa estremamente importante. Chi sono, cosa sono e cosa posso offrire agli altri sono aspetti importanti nella vita di tutti.

I comportamenti problematici degli adolescenti possono avere gravi conseguenze se la loro intensità e frequenza aumentano. Non hanno un impatto sullo sviluppo positivo e diventano problematici. Le conseguenze negative dei comportamenti a rischio comprendono: il superamento delle norme sociali, il basso livello di comunicazione sociale, la minaccia alla salute e persino alla vita.

Sperimentare è una parte inseparabile della vita giovanile. Grazie a questo un adolescente impara i principi che governano il mondo e impara a conoscere gli effetti delle sue azioni. A causa della bassa resistenza allo stress, può verificarsi aggressività e questo potrebbe portare anche a comportamenti criminali. Questo tipo di procedura dà un sollievo di breve durata e potrebbe calmare emotivamente, che può essere paragonato a prendere l’ecstasy. Questo è l’ultimo momento in cui si dovrebbe cambiare questo comportamento.

La cultura fisica può diventare un modo efficace per contrastare il comportamento a rischio tra bambini e adolescenti. Un’attività sportiva ben scelta riduce la maggior parte dei comportamenti avversi. Attraverso la partecipazione attiva alle attività sportive, in particolare quelle che insegnano una sana competizione, i giovani riducono la tensione, allo stesso tempo aumentano l’autocontrollo e la concentrazione.

Muaythai è un’arte marziale grazie alla quale possiamo allenare e modellare il nostro corpo, ma soprattutto, insegna i principi di base delle relazioni sociali come il coraggio, l’equilibrio, la fratellanza, il rispetto per l’altra persona, quelle che possiamo chiamare le regole del fair play . Grazie a questo principio, combattiamo con il concorrente, non con il rivale.

Il combattimento sportivo favorisce il livello di eccitazione durante l’allenamento, lo sparring e la competizione. Tuttavia, non dovrebbe incoraggiare l’aggressività. Nel caso dello sport Muaythai possiamo parlare degli aspetti positivi della formazione, a cui contribuisce l’allenatore. Grazie all’addestratore, il contatto con l’arte marziale diventa non solo un’esperienza fisica, ma anche mentale. I formatori insegnano come raggiungere la cima e guidano i giovani ad apprendere le tecniche per controllare lo stress, l’aggressività, la concentrazione, la concentrazione, la memoria, ecc. È l’allenatore che decide sulla scelta e la forma della formazione. Nel momento in cui il giovane combattente impara le regole dell’allenamento e lo sport stesso, modella il suo sistema di valori, e quindi dirige ulteriori azioni che non consentiranno il verificarsi di comportamenti rischiosi.